Alghero 06.08.2018.

 Ai gestori di

 Attività Ricettive Alberghiere

  ed Extralberghiere del

 COMUNE DI ALGHERO


Oggetto: imposta di soggiorno 2015/2016.


  Premesso che l'art. 74 del Regio decreto 18 novembre 1923, n. 2440 “Nuove disposizioni sull'amministrazione del patrimonio e sulla contabilità dello Stato” stabilisce che gli agenti contabili e coloro che hanno “maneggio qualsiasi” di denaro pubblico, devono rendere il conto della gestione e sono sottoposti alla vigilanza del Ministero del Tesoro ed alla giurisdizione della Corte dei Conti che analizza la posizione dei gestori delle strutture ricettive sotto l'aspetto della responsabilità contabile;

  Considerato che alcune strutture ricettive non hanno ancora presentato il Conto della gestione per gli anni 2015 e 2016 (MOD. n.21); Rilevato che, in numerosi casi, i conti redatti in base al MOD. n.21 risultano irregolarmente compilati in quanto non contengono alcun riferimento agli ESTREMI delle RICEVUTE DELLE RISCOSSIONI effettuate nei singoli mesi, cioè il numero progressivo dalla prima all’ultima quietanza rilasciata agli ospiti nel periodo di riferimento;

  Rilevato che, in numerosi casi, i conti redatti in base al MOD. n.21 non riportano gli estremi dei versamenti in tesoreria delle somme riscosse, ovvero non sono stati riportati la DATA e le MODALITÀ DI RIVERSAMENTO nonché i RELATIVI IDENTIFICATIVI, cioè gli estremi del C.R.O. o T.R.N. (codici identificativi della transazione), se effettuati tramite bonifico oppure gli estremi del VCYL (si veda timbro di quietanza apposto dall’ufficio postale sul bollettino), se il riversamento è stato effettuato mediante bollettino di conto corrente postale;

  Viste le note della Corte dei Conti, Sezione giurisdizionale per la Regione Sardegna, Ufficio del magistrato relatore sui conti degli agenti contabili degli enti locali Prot. 411 - 23/01/2018 e Prot. 705 - 05/02/2018 con le quali sono state evidenziate tali anomalie e precisato che la documentazione giustificativa (copia delle ricevute e delle quietanze di versamento) potrà essere oggetto di richiesta di trasmissione da parte del Magistrato relatore a seguito di esame dei singoli conti,

si invitano

tutti i gestori di strutture ricettive, nonché i titolari di unità abitative concesse in locazione con finalità turistiche :

  • a provvedere alla presentazione del Conto della gestione, riferito agli anni 2015 e 2016, attraverso il software di gestione dell’imposta di soggiorno, da parte di coloro che non l’avessero ancora fatto;
  • a provvedere alla rielaborazione del Conto della gestione, riferito agli anni 2015 e 2016, attraverso il software di gestione dell’imposta di soggiorno, per coloro che l’avessero compilato in maniera errata o incompleta;
  • a tenere a disposizione le predette ricevute e le relative quietanze di versamento di cui il magistrato relatore si riserva di chiederne la trasmissione a seguito di esame dei singoli conti.

Per quanto sopra, si precisa che la mancata osservanza delle disposizioni di legge sopra riportate comporta l'applicazione delle sanzioni amministrative e la conseguente segnalazione alla Sezione regionale della Corte dei Conti.